Search

Quba

Non sempre la competizione si misura sui concorrenti.

Sii il primo della classifica di una popolazione di clienti in grado di sostenere il tuo business.

Nella testa dei clienti c’è una classifica: “Questo è il più grande, questo il più innovativo, questo il più preciso”; “Rispetto a quello di cui ho bisogno, questo è il numero uno”.

50 anni fa Fiat era la numero uno per gli italiani che non potevano permettersi, nell’ordine: una Mercedes, una BMW, un’Alfa Romeo o una Lancia. Fiat è il marchio che ha “ingoiato” tutti gli altri brand italiani e a sua volta è entrata nel mondo dei grandi con ruoli non totalmente subalterni. Oggi, con riposizionamenti vari, continua ad essere “numero uno” per una popolazione molto più piccola di quella che aveva un tempo, ma sicuramente più globale.

Nella sua storia si sono visti flop clamorosi ogni volta che ha tentato di invadere le “classifiche” di altri. Non si può vendere a tutti, devi scegliere a quale corsa gareggiare, con la convinzione di essere UNO nel tuo segmento (per la tua popolazione). O lì vicino… Ma non può essere DUE.

Quindi?

La tua unicità si confronta con i concorrenti

Addirittura la similitudine diventa vantaggiosa se sai cogliere ciò che ti differenzia e che è amato dal consumatore. Se riesci a raccontarlo nel modo più intrigante, puoi utilizzare video, animazioni immagini ad alto impatto. Ciò che conta è che il tuo cliente recepisca un’unica forte proposizione del tuo prodotto.

L’importante che la tua unicità diventi “unica” per il consumatore o per l’applicatore, o per un’altra impresa.

Potresti dire: “Ma il mio prodotto è uguale a quello degli altri!”. E allora la tua unicità sarà il prezzo. Se riesci a marginare comunque, allora questa è la strategia, consapevole però che qualsiasi competitor, per una volta o per un periodo, è in grado di fare un prezzo migliore del tuo.

 

>> Se lo desiderate ne possiamo parlare, saremo felici di ascoltarvi.

Lascia un commento